Palazzo delle Poste © 2012 la Residenza
Exclusive Living Verona · creato da etinet.it

La storia

foto palazzo delle poste Uno dei palazzi architettonicamente più importanti di Verona è stato riportato al suo antico splendore, grazie ad un attento intervento di recupero e restauro che lo ha trasformato da sede centrale delle poste della città, ovvero Palazzo delle Poste e Telegrafi, ad un insieme di "residenze esclusive" di altissimo prestigio nel cuore nobile e antico della città scaligera.
Il complesso immobiliare, risalente al 1930, è senza dubbio la realizzazione più significativa del famoso architetto veronese Ettore Fagiuoli, poichè concise con la sua affermazione sulla scena architettonica cittadina e riassumeva i suoi lavori urbanistici, progettuali e creativi.

Dal 1922 al 1926 circa, contemporaneamente alla riqualificazione dell'adiacente chetto ebraico, Ettore Fagiuoli si dedicò alla progettazione dell'edificio, sorto in un'area ricavata dall'abbattimento di diverse case situate in Piazza Indipendenza, risalenti al periodo scaligero. La realizzazione del palazzo fu contraddistinta da una prassi progettuale e burocratica che di certo non favorì l'esecuzione in tempi brevi, ma li dilatò a tal punto che sorsero pareri discordi sul risultato finale, e vennero analizzati ben due progetti, prima di arrivare al terzo, quello definitivo, approvato il 30 dicembre del 1924 dalla Direzione Generale delle Antichità e delle Belle Arti. Si voleva cercare un equilibrio tra i richiami alla tradizione del classicismo veronese (il pianterreno bugnato, le altane e il tetto rialzato alla Sanmicheli) con allusioni ad un'architettura "nazionale", magniloquente ma senza eccedere, con un'impronta manieristica cinquecentesca e di un barocco romano.

Nel 1969 furono apportate modifiche all'aspetto architettonico dell'edificio, tra qui la sopraelevazione per mezzo del terzo piano (per la quale non è menzionata l'esatta descrizione dell'intervento), il tutto tramite il nulla osta della Soprintendenza. Nel 1990 vennero effettuati ulteriori lavori di restauro conservativo delle facciate esterne con la rimozione di tende plastiche frangisole di colore verde, installate tra gli anni '70 e '80, e lavori di parziale ristrutturazione e ridistribuzione interna dei locali al piano primo e secondo e, nel 1996, al piano rialzato.



icona pdf La posta in Verona icona pdf Verona nel '900
Informazioni e vendite: logo matis spa
Seguici sui social: logo worketin logo facebook